When does the last time happen

In my family we have a house in the Italian region called Marche. It’s a tiny, old house, inherited from my grandparents, a house attached to one of the Sibillini mountains.

When I was a child I used to hate going there, and so did my sister. We knew what was expecting us there: damp, spiders and scorpions, a day of cleaning and the next long boring days.

Growing up we learned to love the landscapes, the colours, the smells on our wanderings through woods and valleys. The crystal clear freezing water from the springs. The thrilling thought that a wolf or any other wild and dangerous animal could surprise you. Making noise to let the snakes run away.

Nella mia famiglia abbiamo una casa di vacanze nelle Marche. E’ una casa piccola, vecchia, eredità dei miei nonni, attaccata a una montagna tra i Sibillini.

Da piccola, andare lì non piaceva ne a me ne a mia sorella. Sapevamo che umidità, ragni e scorpioni ci aspettavano al nostro arrivo, così come una giornata di pulizie e la noia dei giorni successivi.

Crescendo abbiamo imparato ad amare quei paesaggi, quei colori, gli odori delle passeggiate lungo i sentieri nei boschi e nelle valli. L’acqua cristallina e gelida dei ruscelli. Il brivido al pensiero che da un momento all’altro un lupo o un altro animale selvaggio e pericoloso potesse sorprenderci. Far rumore per far scappare i serpenti.

222687_2040517694028_4708473_n.jpg

Then I grew up and I moved abroad, and in the last four years I never had a chance to go back to what is actually half of my origins.

Until the day I woke up to the saddest news of the earthquakes. And earth just can’t stop quaking.

A bit egoistically I found myself crying over the last time I had been in a house that I have hated, loved, forgotten, now regretted.

Someone let us know that the house is still there, but nobody could check the damage.

If I think that my parents were planning to go for a few days just last week!

Poi sono cresciuta e sono emigrata. Così, negli ultimi quattro anni non sono riuscita a trovare il tempo per tornare in quei luoghi che rappresentano metà delle mie origini.

Finché un triste giorno mi sono svegliata alla notizia del terremoto. Dei terremoti, che non si fermano.

Un po’ egoisticamente mi sono trovata a piangere la mia ultima volta in una casa che in passato avevo odiato, poi amato, poi dimenticato, ora rimpianto.

Ci hanno detto che la casa c’è ancora, ma che nessuno ha avuto modo di verificare i danni.

E pensare che i miei genitori stavano pianificando una vacanza lì proprio la scorsa settimana.

The fact is that I would not be able to tell when this last time was. I can’t say what time of the year, who I was with, what did I do there…

I guess this is what happens. Nobody knows when they are living a last time of something. It simply happens. Or better said, it simply doesn’t happen anymore.

Moonily Yours, Serena

Che poi non so nemmeno dire quando sia stata la mia ultima volta. Non ricordo che periodo dell’anno fosse, con chi ero, quali passeggiate…

Credo succeda sempre così. Non ci si accorge di quale sia l’ultima volta di qualcosa. Semplicemente accade. O meglio, semplicemente non accade più.

Lunaticamente Vostra,
Serena

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.