We are family!

I recently had the chance to think about the concept of family.cat-mom-1265693_960_720

I am not sure it is something that differs from culture to culture. I rather think that every family is a little unique cosmos.

I will never forget one of my best friends’ parents from when I was a child. Her mum or dad would never leave the house without kissing or having a nice word for each other. That stayed in my mind since then as an example, maybe because in my family it was so different.

I long for an open, declared affection, but due to the way I was indirectly thought while growing up, I’m always very shy to expose myself too much.

My mum would never tell me she missed me, my dad would never say he admires me for what I do. I wouldn’t hug my sister if not for saying hi or goodbye.

That said, in my family we love and admire each other very much. But the way we show it is very different, very reserved, very indirect and not given for granted. Maybe this is the biggest teaching I could get from that.

When I started meeting Mr J’s family, I realised straight away how close all of them are. They are so very openly familiar!

Mr J would say “I love you” to his parents on the phone.

The fact that people of different generations go out and meet together all the time is critical in keeping together big Irish families. But I will come back on this on another post.

Talking about the adult Serena, I’m not good at all in telling other people what my feelings for them are. I’m good in demonstrating it though.

There have been times during my Irish life, when I was left with no words, anxious of what the other person might think of me: “What a cold rude woman!” (That’s not Irish people, just my brain).

Well, I don’t know if I’ll ever learn how to translate feelings into spoken words. What I can hope is that people who I really like will learn to know me and my shy ways.

What is your family like? Open or shy? Tell me your story!

Moonily Yours,
Serena

elephant-family-214476_960_720

***

Ho avuto occasione di recente di riflettere sul concetto di famiglia.

Non sono sicura che sia qualcosa che varia più di tanto tra cultura e cultura. Credo piuttosto che ogni famiglia sia un microcosmo a parte.

Non dimenticherò mai i genitori di una mia cara amica d’infanzia. Sua madre o suo padre non lasciavano mai casa senza darsi un bacio o essersi scambiati una parola carina. Quella scena è rimasta nella mia mente da allora come un esempio, forse perché nella mia famiglia era tutto molto diverso.

Amo tutti quei modi di dimostrare affetto aperti e spontanei, ma dato l’esempio assorbito fin da piccola, sono sempre stata molto riservata e non amo espormi.

Mia mamma non diceva mai che le mancavamo, mio papà non direbbe mai che mi ammira per le mie scelte. Con mia sorella non ci abbracceremmo mai se non per dirci ciao dopo una lunga assenza o arrivederci.

Detto questo, devo chiarire che nella mia famiglia ci vogliamo molto bene e abbiamo stima gli uni degli altri. Lo mostriamo però in modo molto diverso, in modo riservato e dove non si dà nulla per scontato. E quest’ultima cosa è l’insegnamento più grande che ne ho ricavato.

Quando ho iniziato a conoscere la famiglia di Mr J mi sono subito resa conto di quanto fossero tutti così vicini tra loro.

Mr J è abituato a dire ai genitori che gli vuole bene quando è al telefono con loro.

Il fatto che persone di diverse generazioni escano e si incontrino sempre tra loro è sicuramente un punto critico nel tenere insieme queste grandi famiglie. Ma di questo parlerò in un altro post.

Tornando alla Serena adulta, quella non è per niente brava ad esternare quello che prova davanti agli altri. Ma è molto brava a dimostrarlo.

Ci sono stati casi in cui, nella mia vita irlandese, sono stata lasciata senza parole davanti a manifestazioni d’affetto. Da qui l’ansia di cosa l’altra persona potesse pensare: “Che persona fredda e rude!” (Che poi loro non lo penserebbero mai … forse).

Beh, non so se imparerò mai a dar parole parlate a cosa sento, ma spero che le persone che mi piacciono imparino a capire i miei modi timidi.

Com’è la vostra famiglia? Aperta o timida? Raccontate, raccontate!

Lunaticamente Vostra,
Serena

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s