I’m an island

I have always loved islands.
I have always been attracted to them.20525787_10214003464182141_4302166772671889156_n

When I was a child I used to travel every summer with my family to Pantelleria, in Sicily, where my dad comes from. I remember I used to consider this my real home.

And my home has now moved to another island: Ireland!

Being a child I loved to feel isolated from the rest of the world, and at the same time I dreamt of the day I would have sailed away on that boat I could see far away.
I guess there is also a cosy familiar feeling in the idea of an island, like when you are in your home sweet home and what is outside doesn’t matter anymore.

But there is more than all that.

P1130944

It’s like a silent shiver you cannot clearly feel down your spine, but in the back of your mind you know it’s happening. It’s linked to a primordial instinct of survival.
Nowadays we hardly stumble by chance on the shores of desert islands, but in the past it happened. And the first thought was the need to survive unknown challenges, the need to be prepared to cope with anything on your own.

Growing up I have learnt how to be an island. It might have been delusions from people, or just me setting too high expectations. I have learnt that I could trust others, but up to a point. I have always felt the need to be ready to rely on myself and my capabilities first of all. Only then I could decide if delegating to others who looked ready to help.

It’s the protective vegetation that grows on a small, sparsely populated island.

19424265_10213586869687539_7873046527852441703_n

The weather can also change. At times the patch of land becomes unreachable, while other times it even connects to the main land. It usually depends on the moon.

Don’t get me wrong, I also give all of myself to my best friend or to true love. But I know we change, and the other we love change too. Sometimes so much that we can’t recognize each other anymore. And we should learn to accept that this is normal, it’s nature.

This is why I love islands. This is why I feel like an island.

Sometimes it can be hard, but I usually love it!

What about you? Do you feel more like an island or the main land?

Moonily Yours,
Serena

***

Ho sempre amato le isole.
Mi sono sempre sentita attratta dalle isole.

20525370_10214003492902859_5637556892724542798_n

Quando ero una bambina, ogni estate andavo a Pantelleria con la mia famiglia, isola dove mio padre è nato. Ricordo che consideravo quella come la mia vera casa.

E quella casa adesso l’ho trasferita su un’altra isola: l’Irlanda.

Da piccola amavo sentirmi isolata dal mondo, ma allo stesso tempo sognavo il momento in cui avrei anch’io preso il largo a bordo di una di quelle barche che vedevo all’orizzonte.

Credo ci sia anche un senso di intimità familiare su un’isola. Come quando sei nella tua casa dolce casa e il mondo fuori non conta più.

Ma c’è più di tutto questo.

P1130945

E’ come un brivido silenzioso che inavvertitamente ti percorre la spina dorsale, e lo percepisci solo in qualche angolo recondito della mente. E’ come se fosse legato a un istinto primordiale di sopravvivenza.
Al giorno d’oggi è raro approdare per caso su un’isola deserta, ma in passato accadeva. In quel momento il primo pensiero sarebbe stato rivolto al bisogno di sopravvivere a sfide imprevedibili, il bisogno di esser pronti a far fronte a qualsiasi difficoltà da soli.

Crescendo ho imparato a essere un’isola. Sarà stato per delusioni subite, o solo io che mi aspettavo troppo dagli altri. Ho imparato a fidarmi degli altri, ma fino a un certo punto. Ho sempre sentito il bisogno di sentirmi in grado di fidarmi di me e delle mie abilità prima di tutto. Solo in un secondo momento posso decidere se delegare agli altri un po’ di responsabilità.

E’ come la vegetazione protettiva che prospera su una piccola e poco popolata isola.

Anche il tempo può cambiare. A volte quella macchia di terra diventa irraggiungibile, mentre altre volte appare addirittura collegata alla terraferma. Di solito dipende dalla luna.

Non fraintendetemi, anch’io sono pronta a dare tutta me stessa per amici e amore. Ma so anche che tutti noi cambiamo, a volte così tanto da non riconoscerci più a vicenda. Dovremmo tutti imparare ad accettare ciò come qualcosa di umano, naturale.

Ecco perché amo le isole. Ecco perché mi sento un’isola.

A volte può essere difficile, ma di solito mi piace!

E voi? Vi sentite di più isola o terraferma?

Lunaticamente Vostra,
Serena

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s