#loseaminute

Since when I left Italy and started living and working in Ireland, my mind expanded and my old thinking patterns shrank.

What do I mean by that?

Well, first of all, that human beings get used to better life quality and tend to consider it normal. But we never forget what was before, and why we didn’t like it.

I felt a sense of pain and a shiver of rage the other day when my sister came to me with a little dilemma.

She has lived with me here in Galway for four weeks, and she is liking it. She is also realising that maybe 6 weeks are not enough to properly improve her English.
On the other hand, she has to go back to Italy to complete her degree, and after that, starting her Master course.

The dilemma?

She would like to invest more time on her English skills, but she feels like she has NO TIME. And she is just 24.

Then I thought of what somebody once told my dad, and he kept repeating to us ever after: “Every person who gets graduated before you, is one less hiring opportunity for you”.

A race. As if there is no place enough for everyone in Italy. Unfortunately, that’s the truth.

You are entitled to feel like a loser before you even start trying.

She will finish her studies, she won’t improve her English. Maybe she won’t find any jobs in her own country (I hope she will with all my heart, since I know she likes living there), she will have to try somewhere else. Maybe a few years will have passed, and she will feel like it’s too late to start again, and maybe doing something totally different than she had thought of.

You can agree that this should not be a dilemma in a healthy society, but it is in some places! And it was for me, until I took the first leap towards a better me and a more open mind.

I studied English at university, didn’t get any Master degree, worked (unpaid) in a publishing company, arrived in Dublin with no real working experience at all, started working in an insurance company, then opened my Etsy shop, this blog, moved to Galway and started working in an IT multinational, did a silversmith jewellery course, and just started studying again, business and marketing.

All this makes my dad’s head spin every time I do a recap for him. And he is so scared every time I tell him I want to keep trying new things and I may change job at some stage. Crazy me!

In my family, we have always seen my sister as a girl happy enough where she is living, happy enough with what she is studying, with no expectation for her to take unexpected leaps.

My parents kept asking me for weeks if she was feeling at ease here, imagine!

When she told me first about her dilemma, I was initially thrilled! Wow! My sister and I hadn’t lived under the same roof for about 8 years, and it was like finding out a part of her that grew up out of a golden hidden spot.

But then I realised what the real point was.

If anyone of you lives in another similar country, where they tell you that you will soon be old and useless when you are just 24, you can be sure that something is very wrong. Just don’t listen, go out there and try something new and useless!

You never know what opportunities are waiting for you, out of your comfort zone.

And travel, take the time to open your mind. Take the time to turn the opposite direction to where you were originally going, and get lost!

You can’t change how things in the big system work, but you can change your habits, your routine.

Why? Just for no reason.

I would love to see your “no reason” pictures on Instagram.

Lose a minute to take a picture of something you like just because of no specific reason. Just because you are happy that thing exists in front of your eyes.

 You can use the hashtag #loseaminute

Moonily Yours,
Serena

 

orologio

***

Dal momento in cui ho lasciato l’Italia e ho iniziato a lavorare in Irlanda, la mia mente si è espansa e i miei fissi schemi mentali sono molto più fluttuanti.

Cosa intendo?

Beh, prima di tutto, l’uomo si abitua senza problemi a uno stile di vita migliore, e comincia a vederlo come la normalità. Allo stesso tempo, non dimentica cosa c’era prima, e perché non ne era felice.

L’altro giorno, mia sorella mi ha parlato di un suo piccolo dilemma attuale, a cui ho fisiologicamente risposto con un senso d’angoscia e un brivido di rabbia.

Ad oggi ha vissuto con me qui a Galway per circa quattro settimane, e le piace. Si sta anche rendendo conto che forse avevo ragione a dire che sei settimane non sono abbastanza per imparare l’inglese.
Allo stesso tempo, sa che deve tornare in Italia per dare la tesi di laurea, per poi iniziare un Master.

Qual è il dilemma?

Vorrebbe investire più tempo a migliorare il suo inglese, ma sente di NON AVERE TEMPO. A 24 anni.

Allora mi è tornato alla mente quello che un signore ha detto una volta a mio padre, e che lui da quel giorno ha continuato a ripeterci: “Ogni persona che si laurea prima di voi, toglierà a voi un posto di lavoro”.

Una gara. Come se non ci fosse abbastanza spazio per tutti nel nostro paese. Sfortunatamente, questa è la verità.

Sei incoraggiato a sentirti un fallimento ancor prima di iniziare a provarci.

Lei continuerà i suoi studi, non migliorerà il suo inglese. Forse non troverà nessun lavoro nel suo paese (io spero con tutto il cuore che ciò non succeda, perché so che le piace vivere lì), e dovrà provare altrove. Forse saranno passati alcuni anni, e lei sentirà che è troppo tardi per ricominciare, forse provando qualcosa di totalmente diverso.

Sarete d’accordo con me nell’osservare come non sia normale considerare una cosa così semplice un “dilemma”. Eppure succede in paesi come il nostro. Per un breve periodo di tempo lo è stato anche per me, finché non ho deciso di fare un passo verso una Serena migliore e continuare a camminare verso nuove prospettive.

Ho studiato lingue all’università per tre anni, non ho nessun master, ho fatto la schiavetta (felice per un po’) in una casa editrice a Roma, sono arrivata a Dublino senza nessuna vera esperienza lavorativa, ho iniziato a lavorare in una compagnia assicurativa, ho aperto il mio negozio su Etsy, questo blog, mi sono trasferita a Galway e ho iniziato a lavorare in una multinazionale, ho fatto un corso di oreficeria, e ho appena ricominciato a studiare, business e marketing.

Tutto ciò fa girare la testa a mio padre, che non capisce per quale scopo continui a provare cose nuove, o che sia pronta a cambiare lavoro prima o poi. Follia!

Nella nostra famiglia abbiamo sempre visto mia sorella come la ragazza contenta abbastanza nel luogo in cui vive, contenta abbastanza di quello che fa. Il fatto che potesse venirle voglia di cambiare non ci è mai passato per la mente.

Dico solo che per settimane i miei genitori hanno continuato a chiedermi se si sentisse a suo agio qui, se si stesse ambientando, ecc.

La mia prima reazione quando mi ha presentato il dilemma è stata di puro entusiasmo. Dopo non aver vissuto sotto lo stesso tetto per circa 8 anni, era come se scoprissi un lato totalmente nuovo di lei, che era spuntato e cresciuto da una piccola nascosta miniera d’oro.

Solo in un secondo momento ho realizzato quale fosse il punto.

La rabbia viene dal fatto che è tutto talmente radicato, che quasi non ci facciamo più caso. Quando non ci fai caso non filtri più, e dai per scontato che a 24 anni è il momento di pensare a “non perdere tempo”, che c’è qualcuno lì che vuole fregarti.

Invece è così bello far cose inutili, senza scopo pratico, solo perché ci va.

E si dovrebbe quasi obbligare a viaggiare, staccarsi almeno per un po’ dalla comfort zone. Per aprire la mente, cambiare direzione e non spaventarsi se ci si perde.

Non possiamo cambiare il sistema, ma possiamo cambiare le nostre abitudini e routine.

Perché? Per nessun motivo!

Mi piacerebbe vedere le vostre foto “senza motivo” su Instagram.

Fotografate una cosa che vi piace, un dettaglio, una piccolezza che vi piace solo per il fatto che esista davanti ai vostri occhi. Perdete un minuto della vostra giornata così.

Potete usare l’hashtag #loseaminute

Lunaticamente Vostra,
Serena

 

One Comment Add yours

  1. Nilzeitung says:

    alles erdenklich gut wünsch ich ihnen ,,,, es ist sehr sehr spannend ein und ausgangs Worten danke!!!

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s