Interview & changes

Recently, the Italian expat website “Voglio Vivere Così” interviewed me.

They asked me interesting questions about my move to Ireland and my life here.

Between the time of the interview and the publishing, a few months passed. I was thinking of how many things have changed in this couple of months.

For example, I had told the interviewer how happy I was to live in a little house so close to the sea, with a garden loved by my two cats.

If you read my previous articles, you’ll know what happened to that lovely house.

The other day, I went visiting one of my old neighbours, the only one who still lives there, and saw all the little buildings have been emptied, everything thrown out.
His beautiful ginger cat, Baloo, still goes to my old flap door calling for Juno and Dora. But no replies, nobody to play in the garden anymore.

My priorities changed in this little time. Now I want a home for myself.
And when I say that I “want” something, I have to get it, or I won’t have peace.

This is maybe one of the biggest dreams I had to work so hard to make real, but I have plenty of energy to keep fighting, and the help of so many fantastic people.

Apart from these “details”, the rest of the interview still reflects my love for this country, for her people, for her culture.

In the same I was also talking about the challenges of a foreigner living abroad, and also the embracing of all the positive new things that don’t work in our own country.

I’m happy I could share my experience with a wider audience.
After the interview had been published, I received a couple of emails from two lovely readers, mums of expat sons.
One of these women’s son lives in Ireland too, and his experience here is as positive as mine.
Receiving these messages is the best feeling.

Moonily Yours,
Serena

***

Poco tempo fa, “Voglio Vivere Così Magazine” mi ha intervistata sul mio trasferimento in Irlanda e la mia esperienza qui. 

Tra l’intervista e la pubblicazione sono passati un paio di mesi, e rileggendola pensavo alle cose che sono cambiate nel frattempo.

Ad esempio, avevo raccontato di quanto fossi felice della casetta vicino al mare in cui vivevo, con quel giardino tanto amato dalle mie due gatte.

Se avete letto i miei articoli precedenti, saprete cosa è successo a quella adorata casa.

L’altro giorno sono andata a trovare uno dei miei vecchi vicini, l’unico che ancora non si è trasferito, e ho visto che avevano svuotato le altre case.
Il suo bellissimo gatto rosso, Baloo, ancora va alla mia vecchia gattaiola e miagola cercando Juno e Dora. Ma non c’è più nessuno a uscire a giocare con lui in giardino.

Le mie priorità sono cambiate in questo poco tempo. Ora voglio una casa mia.
E quando io dico che “voglio” qualcosa, non ho pace finché non la ottengo.

Credo che questo sia il sogno più grande su cui mi sia mai trovata a lottare così tanto per realizzare. Ma sono piena di energie, e ho l’aiuto di tante persone fantastiche. 

A parte questi “dettagli”, il resto dell’intervista ancora riflette il mio amore per questo paese, per la sua gente e la sua cultura.

Parlo anche delle sfide che attendono noi expat in terra straniera, e delle felici scoperte di tante cose che invece nel nostro paese non funzionano.

Sono contenta di aver potuto condividere la mia esperienza con un pubblico più ampio, e ringrazio tanto “Voglio Vivere Così Magazine” per questa occasione.

Dopo la pubblicazione dell’intervista ho ricevuto due email da due adorabili lettrici, mamme di figli espatriati.
Il figlio di una di queste vive in Irlanda, e i suoi racconti sono positivi come i miei.
Ricevere queste email è un’emozione.

Per leggere l’intervista: https://bit.ly/2HNSI1d 

Felice di leggere i vostri commenti!

Lunaticamente Vostra,
Serena

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.